domenica 21 gennaio 2018

Espansione, integrazione, ricircolo

In questi giorni ho finalmente potuto chiudere una parentesi rimasta aperta nella sezione repubblicana del mio percorso collezionistico: quella dei cosiddetti "servizi". Per servizi intendo quei francobolli che hanno costituito naturale affrancatura in quella gamma di prodotti o attività postali accessorie che, per moltissimi anni, hanno affiancato la posta tradizionalmente etichettata come "ordinaria". Mi riferisco alla posta pneumatica, ai pacchi postali, ai pacchi in concessione, al recapito autorizzato, ai segnatasse e anche agli "espressi", questi ultimi dal 1966, essendo le emissioni precedenti già inserite nel contesto espositivo dei francobolli di posta ordinaria del mio insieme filatelico.


Un capitolo tutt'altro che semplice, spesso emarginato da molti collezionisti, ma affascinante dal punto di vista della storia della posta, in modo particolare nel dopoguerra e nell'epoca della rinascita post bellica, ove alcuni particolari servizi, i pacchi postali ad esempio, hanno giocato un ruolo importante nella ricostruzione e nello sviluppo del nostro Paese.

Ma non è di questo che voglio parlare in questo post, lo fanno per me le schede filateliche che costituiscono il paratesto dei reperti dentellati. Quell'elemento di supporto all'interazione tra reperto ed osservatore, connessione il cui richiamo può avere differenti valenze: contesto culturale, profilo storico, tecnica e stilistica, iconografia (vedi anche il post sull'argomento). I fogli che ho elaborato per tale insieme di valori infatti, non si limitano ad una sintesi tecnica su ogni singola emissione, ma intendono ripercorrere un minimo di storia di ogni singola tipologia di servizio postale, perlomeno per quanto riguarda la cronologia repubblicana.


Quello su cui vorrei invece porre l'accento è quel circolo virtuoso che le modalità di acquisizione di questa mia sezione hanno messo sostanzialmente in moto, evidenziando quel vero silenzioso motore che alimenta il "collezionismo", quel sinergico insieme di moti costituito da espansione, integrazione, ricircolo che accompagna il processo di accomodamento tipico del collezionista raccoglitore. L'innesco può essere un semplice contatto tra collezionisti.


Alcuni mesi or sono, mi contattò un appassionato raccoglitore, in risposta ad un mio annuncio di vendita di una cartella 32 anelli predisposta per il Regno d'Italia. Quell'album era per me l'effetto di un doppio regalo, gradito certamente, ma pur sempre doppio. L'affare si concluse con soddisfazione di entrambi, ma innescò un piacevole scambio di mail, sana curiosità filatelica sui reciproci interessi dentellati. Tanto bastò per comprendere che mentre io ero orientato a seguire un itinerario, l'altro cercava di porre in vendita un bell'insieme repubblicano, quanto nell'ambito di quelle fisiologiche variazioni di accomodamento dei propri interessi collezionistici, che lo orientavano verso una più attenta ricerca del periodo del Regno, per il cui finanziamento giovava mettere in vendita quei reperti non più oggettivanti il nuovo percorso scelto.

La trattativa, chiusa con grande affabilità e serietà filatelica, mi ha consentito di entrare in possesso, e ringrazio ancora per la concessa rateazione del pattuito, di un interessantissimo insieme dedicato a servizi della Repubblica, quindi di vera espansione del mio insieme. Non solo! Mi ha permesso di integrare francobolli di migliore qualità rispetto a quelli già presenti nel mio apparato originario e di rimettere in circolo quelli in eccedenza, riutilizzando poi il ricavato per nuove acquisizioni o per l'acquisto di materiale filatelico idoneo al nuovo contesto conservativo ed espositivo.


Quanto per sottolineare come ogni forma di collezionismo trae sostentamento e si perpetua grazie a tale meccanismo, un insieme di ingranaggi virtuali che da sistemi di cessione ed acquisizione, rimodulazione ed integrazione, mettono in contatto tra di loro differenti collezionisti, ma anche collezionisti e commercianti. Sono proprio questi ultimi, che in funzione di quanto gli ingranaggi di tale meccanismo si muovano ed interagiscono tra loro, a determinare poi precise scelte di mercato.

Lo è di esempio quanto apparso in un articolo pubblicato sulla rivista Best Bid, il magazine Bolaffi dedicato alle aste. Sull'editoriale del numero 8/2017, parlando dell'asse collezionistico dedicato alla fotografia, giusto per offrirvi un esempio, è lo stesso CEO del gruppo, Giulio Filippo Bolaffi, a dichiarare la mancanza, in Italia, di un circolo virtuoso legato al collezionismo di fotografie d'autore. Un circolo che partendo dai negozianti del settore sia capace di creare collezionisti i quali, a loro volta, selezionino oggetti da porre in vendita, attraverso aste e piattaforme di acquisto dirette ad altri collezionisti, ma anche a commercianti che potranno così riapprovvigionarsi e creare nuovi stock per continuare ad alimentare interessi, acquisti, curiosità e scambi.

Terminata questa breve parentesi riflessiva, come sempre, vi invito a prender visione della sezione dei servizi appena citata. Al momento si colloca nel nono album della sezione repubblicana nuovi (il numero 29). Per sfoglialo basta un clic.


Nessun commento:

Posta un commento